lunedì 23 marzo 2009

Intervista a Pizza

Meeting informale quest'oggi per i Ministri dell'Istruzione dell' Unione Europea.

A rappresentare l'italia il sottosegretario Pizza. Sì, proprio lui, il segretario della DC che un anno fa rischiò di far slittare le elezioni e poi magicamente rinunciò a presentare le sue liste.

Chissà come mai, il mese successivo venne nominato sottosegretario. All'Istruzione poi, mica cotica.

Forse sarà stato per la sua grandissima competenza nel campo dell'Istruzione. Sì, come no.

Be', in mancanza della Gelmini, ho instervistato Pizza, che devo ammettere è stato molto cordiale e gentile.

L'intervista dovrebbe andare in onda oggi su Radio Popolare tra le 17 e le 18, per la trasmissione Mente Locale. Ad ogni modo, a breve posterò il video.

Vi assicuro che intervistare Pizza è stato come intervistare Elio e Le Storie Tese: una sensazione di surrealismo devastante. Questo signore non aveva la più pallida idea di cosa gli domandavo. Rispondeva con discorsi preconfezionati, presi a casaccio dalla memoria dal manuale "Risposte pronte per intervista, 1.0".

A un certo punto si mette a criticare il fatto che l'Università italiania non sia a piramide (senza che io gli abbia chiesto niente a riguarda, tra l'altro). Cioè, non ci sono tanti ricercatori, meno associati e pochi ordinari. Ma tutti seguono la stessa carriera e diventano prima ricercatori poi associati poi ordinari.

Allora gli ho chiesto:

"Quindi chi fa il ricercatore oggi in Italia non ha speranza di diventare associato o ordinario"

Sottosegretario Pizza: "Ma sì, ma... ma...sicuramente".

Ecco, quindi, ragazzi che fate i ricercatori in italia, scordatevi di fare carriera. Fintanto che c'è Pizza, col cavolo che diventate professori. W i Baroni.

Aggiornamento

Ecco il video

2 commenti:

  1. senza parole...anzi, qualcuna ce l'ho: Pizza sottosegretario=Mattia sindaco di Praga!!!

    RispondiElimina